Ohhhh…finalmente hai trovato casa a Francoforte, hai sistemato un bel po’ di scartoffie dopo il trasloco, fra cui l’anmeldung e l’iscrizione all’Aire. Prima di rilassarti del tutto, però, c’è un’ultima cosa che ti rimane da fare: immatricolare l’automobile in Germania (sempre che tu l’abbia portata con te!).

Immatricolare l’auto è obbligatorio entro 6 mesi

Registrare la tua auto alla motorizzazione tedesca – (d’ora in poi Zulassungsstelle) – è un obbligo che devi espletare entro 6 mesi dal momento in cui ti trasferisci. Se non lo fai rischi delle sanzioni nel caso di un controllo stradale da parte della Polizia.

Perchè targare l’auto in Germania? Due vantaggi su tutti: le assicurazioni RC Auto tedesche costano in media il 20-30% in meno, stessa cosa per il bollo auto. Mica male, no?!

Mille giri fra gli uffici: il “lavoro sporco” l’ho già fatto io…anche per te!

Ho dovuto fare un bel po’ di ricerche e girare qualche ufficio per reperire tutte le informazioni necessarie su come immatricolare una macchina in Germania. Risultato: in soli 3 giorni, e una spesa complessiva di 300€, ho immatricolato la mia auto in Germania! 🙂

Tra poco ti riassumerò nel modo più breve possibile tutto il processo per immatricolare l’auto in Germania. Prendi carta e penna oppure copia e incolla questo articolo su un documento di Word che poi stamperai e porterai con te.

N.B: Questa è la mia esperienza diretta nella regione dell’Hessen. Penso che l’iter sia uguale per tutte le regioni tedesche.

Sei pronto? Let’s go! 😉

Passo #1: richiedi il certificato COC alla concessionaria

Il certificato COC è un certificato di omologazione comunitaria sul quale sono scritte le caratteristiche della tua automobile. E’ obbligatorio, senza questo attestato non puoi immatricolare la tua auto in Germania. Nel 99% dei casi dovrai pagare per ottenere un certificato COC, nel mio caso ho speso 62€.

Ci sono tre modi per ottenere il certificato:

1) Vai nella concessionaria più vicina della tua automobile – (io ho una Mini e sono andato direttamente al centro Mini a Francoforte) – e richiedi il certificato COC. Porta con te il libretto di circolazione ed il certificato di proprietà dai quali vengono estrapolati il numero di telaio e altri dati necessari per ordinare il certificato. Paghi subito alla concessionaria e dopo qualche giorno puoi andare a ritirarlo.

2) Ordinarlo online su questo sito

Consiglio personale: vai direttamente alla concessionaria e ordina il certificato.

3) UPDATE GENNAIO 2016: un lettore del blog mi ha fatto notare che anche presso alcuni centri TÜV è possibile richiedere il certificato COC. Prima di rivolgerti al concessionario, quindi, prova a chiedere info ai centri TÜV vicini a te!

Certificato conformita' COC Auto

Passo #2: prenota il TÜV per fare la revisione

La revisione, chiamata TÜV in Germania, è obbligatoria per immatricolare un’auto. Il TÜV puoi farlo con la targa italiana, nessun problema.

Dove farlo? Ti consiglio di rivolgerti ad un centro TÜV statale, ogni regione ha il suo. Per esempio questo è il sito del TÜV Hessen. Per trovare il centro più vicino a te è semplice: cerca su Google “TÜV + la città più vicina a te”. 😉

La revisione, nella maggior parte dei casi, puoi prenotarla online scegliendo il giorno e l’orario che preferisci. Il costo varia dai 90 ai 106€ a seconda dell’età dell’auto. Devi prenotare solo la HU (Hauptuntersuchung) in quanto la AU (Abgasuntersuchung) è già inclusa nel prezzo.

Il giorno dell’appuntamento ti presenti al centro TÜV e in circa 30 minuti la revisione è fatta. Ti rilasceranno due fogli che dovrai consegnare alla motorizzazione (Zulassungsstelle) insieme agli altri documenti.

TÜV revisione auto Germania

Passo #3: rivolgiti ad un’assicurazione e ottieni un eVB

Per immatricolare la tua macchina in Germania hai bisogno di un’assicurazione RC  Auto, così come in Italia. Per il primo anno ti consiglio di scegliere un’assicurazione che abbia almeno una sede fisica vicino a te, questo ti sarà utile perchè potrai parlare di persona con un addetto e non con un “semplice” operatore telefonico.

L’assicurazione la puoi stipulare prima di immatricolare l’auto. L’addetto della compagnia ti chiederà alcuni dati, sia personali che della macchina per farti un preventivo dettagliato. Una volta che accetti la proposta ti rilasciano un codice provvisorio (eVB – elektronische Versicherungsbestätigung) il quale certifica che hai stipulato un’assicurazione e sei coperto non appena l’auto viene immatricolata. Questo codice portalo con te il giorno dell’immatricolazione insieme a tutti gli altri documenti.

Importante: l’attestato di rischio della tua vecchia assicurazione italiana non è valido per farti riconoscere la classe di merito. Dovrai richiedere alla tua compagnia un certificato ATR in inglese, ossia un certificato di rischio internazionale. Solo così ti riconosceranno, quantomeno, che per 5 anni non hai avuto incidenti. Considera che i prezzi sono già vantaggiosi anche solo con la certificazione che per 5 anni non hai avuto incidenti!

Passo #4: ci sei quasi. Ecco il grande giorno!

E’ arrivato il grande giorno, prendi tutti i documenti e vai alla motorizzazione. Di seguito trovi una breve checklist per essere sicuro di non scordarti niente.

I documenti da portare con te:

  • Certificato COC
  • Fogli del TÜV
  • Codice eVB della polizza assicurativa
  • IBAN del tuo conto corrente (dove addebiteranno il bollo auto annuale)
  • Documento di identità
  • Targhe italiane
  • Libretto di circolazione e certificato di proprietà
  • Anmeldung (qualora te lo chiedessero)
  • Almeno 100€ cash per pagare le spese di immatricolazione + le targhe

Appena arrivato alla motorizzazione vai al banco con tutti i fogli, le targhe italiane, il libretto di circolazione ed il certificato di proprietà.

Ti daranno un numero e dovrai aspettare fino al tuo turno. Quando toccherà a te entrerai in una stanza e l’addetta completerà la pratica insieme a te in meno di 10 minuti. Ti chiederà se hai un desiderio per il numero di targa – (ebbene si, in Germania puoi personalizzare la targa!) – oppure te ne assegnerà una “d’ufficio”.

Nota importante 1: manifesta la tua volontà di trattenere le targhe italiane. Ti serviranno in seguito  per la radiazione dell’auto in Italia.

Nota importante 2: Tieni conto che la motorizzazione tedesca tratterrà sia il libretto di circolazione sia il certificato di proprietà. Per questo motivo ti consiglio di farti un bel po’ di fotocopie dell’uno e dell’altro perchè ti serviranno in seguito per la radiazione.

Nota importante 3: Fatti rilasciare dalla motorizzazione tedesca una dichiarazione dove c’è scritto che hanno trattenuto il tuo libretto di circolazione ed il certificato di proprietà.

Alla fine del processo l’addetta ti consegnerà un foglio con il totale da pagare alla cassa per l’immatricolazione (circa 46€). Con la ricevuta che otterrai potrai farti stampare le targhe. Ci sono due modi per stampare le targhe: te le fai stampare direttamente alla motorizzazione – (di solito c’è una stanza apposta vicino alla cassa) – oppure se esci ci sono dei baracchini che te le stampano risparmiando qualche €uro. In media per due targhe (fronte+retro) si spende dai 18 ai 25€.

Appena hai le targhe torna dentro alla motorizzazione e vai di nuovo al bancone dove, sulle targhe, applicheranno i bollini del TÜV e della regione Hessen. Ti consegneranno inoltre il nuovo libretto dell’auto ed il certificato di proprietà (Zulassungsbescheinigung Teil I + Teil II).

Zulassungsbescheiningung teil 1 - 2

Finito! Ora esci, monta le tue nuove targhe e buon viaggio!

Nel prossimo articolo ti spiegherò come ho fatto la radiazione per esportazione della mia auto utilizzando il servizio offerto dal Consolato Generale di Francoforte.

Se hai altre domande o dubbi lascia un commento, proverò a risponderti! 😉

Privacy Policy

Privacy Policy
Cookie Policy

Categorie