Trasloco a Francoforte: andata e ritorno dall’inferno!

Life is better when shared!

Perchè ho intitolato il post “andata e ritorno dall’inferno”? Continua a leggere il post e lo scoprirai! 😉

Traslocare è sempre un pensiero, traslocare all’estero è una gran bella bega! Anche io mi sono ritrovato a dover impacchettare le stoviglie, i mobili, le cose personali, i ricordi di una vita e spedirli in direzione Francoforte sul Meno.

Lo ammetto, organizzare il trasloco a Francoforte non è stato per niente semplice ma il desiderio di cambiare vita (e Paese) ha reso tutto più dolce e a tratti anche divertente. Per mia moglie sicuramente un po’ meno! 😀

E’ risaputo che noi uomini siamo più “easy going” e nel caso di un trasloco buttiamo gli oggetti negli scatoloni senza preoccuparci troppo del risultato finale. Le donne in questi frangenti sono molto più accorte e pazienti quindi, la prima regola per affrontare un trasloco è assicurarsi di avere una donna accanto, altrimenti tieniti pronto a spiacevoli sorprese quando riaprirai i cartoni nella nuova casa, tipo: piatti rotti, i tuoi cari bicchieri da birra frantumati oppure, come è capitato a me, la statuina di un elefante comprata in Egitto qualche anno fa arrivata a Francoforte praticamente gambizzata!

Trasloco a francoforte sul meno

Trasloco “fai da te” o con ditta specializzata?

E’ stata la prima domanda che mi sono posto anche io. Con il senno di poi ti dico: dipende da cosa devi trasportare. Nel mio caso dovevo portarmi dietro tutti i mobili di casa (esclusa la cucina) e sono stato costretto a rivolgermi ad una ditta specializzata che, nella buona tradizione italica, non ha mancato di tirarmi una mezza fregatura che racconterò tra poco.

Quindi, se hai solo dei cartoni e un bel po’ di amici pronti a darti una mano puoi optare per il trasloco “fai da te”.  Sul mercato ci sono tante aziende che noleggiano furgoni a prezzi discreti ed alcune danno addirittura la possibilità di lasciare il veicolo a destinazione, due di queste sono Europcar e Hertz.

Una cosa a cui prestare attenzione se opti per il trasloco “fai da te” è il controllo doganale in Svizzera e/o in Austria perchè c’è sempre una possibilità che il simpatico doganiere ti faccia accostare per un controllo.

Consiglio spassionato: stai attento che il peso del furgone non superi quello consentito dal mezzo. Nel libretto di circolazione dovresti trovare tutte le info che ti occorrono oppure, se non le trovi, chiedi all’autonoleggio dove affitterai il furgone.

Traslochi in Germania

Foto Credits: Wikipedia

Ditta specializzata in traslochi internazionali: pro e contro

Premessa: come in tutti i settori, compreso in quello dei traslochi, ci sono ditte serie e altre meno serie. Io, purtroppo, ho avuto a che fare con una di quest’ultime.

Non sono stato troppo fortunato con la ditta che ho ingaggiato per il trasloco in Germania. Non farò nomi per evitare problemi…anche se ne avrei una voglia matta, credimi! Vabbè, lasciamo stare. Mi limito a scrivere – (sulla base della mia esperienza personale) – un po’ di pro e di contro nell’affidarsi ad un’impresa specializzata in traslochi internazionali.

Consiglio: non fermarti al primo preventivo, contatta più ditte e confronta i vari prezzi che propongono

PRO

  1. l’impresa di traslochi pensa a tutto, comprese le noiose pratiche burocratiche
  2. tu – (ed i tuoi amici!) – non dovete spezzarvi la schiena a caricare mobili e scatoloni
  3. non devi “ciucciarti” tante ore di guida
  4. la merce viaggia sempre assicurata contro danni e furti
  5. vivrai con più di serenità un evento così stressante come quello di un trasloco all’estero

CONTRO

  1. il costo è abbastanza elevato
  2. con la formula più economica (Groupage) non hai una data certa di consegna
  3. qualche azienda “furbetta” potrebbe farti pagare più di quello che ti è stato preventivato

Il terzo punto l’ho vissuto in prima persona. Te la faccio breve: l’incaricato della ditta di traslochi viene a casa mia, stiliamo insieme una lista delle cose da traslocare, discutiamo di tutti gli aspetti e mi spara il prezzo: 1.400 Euro+IVA da Firenze a Francoforte sul Meno per 8 metri cubi di spazio nel camion. Ottimo prezzo. Accetto senza fare troppe storie, firmo una sorta di pre-contratto e fissiamo la data del ritiro delle mie cose.

Il giorno del ritiro del materiale arrivano cinque operai che imballano tutto in maniera impeccabile, caricano alla velocità della luce e se ne vanno. Appena chiusa la porta, osservo la casa vuota e penso:”Wow! I soldi spesi meglio della mia vita!”.

Ti starai chiedendo dov’è la fregatura. Eccoti servito: dopo circa 4 ore dal ritiro del materiale mi telefona il famoso incaricato della ditta dicendomi, con fare poco garbato, che i suoi operai hanno caricato molte più cose di quelle stabilite – (erano le stesse identiche che avevamo inventariato insieme!) – e che lo spazio occupato nel camion non è più di 8 metri cubi bensì 12 e quindi devo pagare 600 Euro+IVA in più da pagare. “Sti cazzi!”, esclamo.

Chiedo spiegazioni al simpatico incaricato che, con il suo solito modo poco gentile, mi propone queste due soluzioni:

  1. andare di persona al magazzino dove sono state stoccate le mie cose ed eventualmente riprendermi la merce in eccesso (4mc di scatoloni!)
  2. pagare la differenza di 600 Euro+IVA e zitto

Che dire?! Un ricattino in puro stile “made in Italy” al quale purtroppo ho dovuto soccombere, non avevo alternative. In definitiva: patti chiari e amicizia lunga.

Dovremmo domandarci più spesso “perchè costa così poco” anzichè “perchè costa così tanto“…

Preparare gli scatoloni per trasloco

Mia moglie alle prese con gli scatoloni!

Mobili e scatole pronte per il trasloco

Camera da letto pronta per partire e…altri scatoloni!

Quanto costa traslocare all’estero

Cosa importante: a meno che tu non sia disposto a spendere cifre che solo il Sultano del Brunei pottrebbe permettersi dovrai condividere il trasloco con più persone. Cosa vuol dire? Significa che il 99% dei traslochi internazionali per privati sono eseguiti con la formula cosidetta trasloco Groupage, ossia vengono uniti più traslochi per ammortizzare il costo finale di ogni singolo cliente. Tutta la tua roba viaggia insieme a quella di altra gente con la quale dividerai il costo totale.

La formula Groupage è sicuramente conveniente rispetto ad un trasloco classico ma c’è un bel prezzo da pagare, la flessibilità. Con il Groupage la data di ritiro delle tue cose è sicura, la data di consegna un po’ meno. Diciamo che la ditta di traslochi ti da una forbice di tempo entro il quale ti consegnerà il materiale. Nel mio caso specifico è andata così: hanno ritirato tutte le mie cose il 14 Febbraio e la consegna era prevista tra il 20 ed il 22 ma ho potuto riabbracciare i miei mobili soltanto il 26 Febbraio con qualche giorno di ritardo. Morale della favola: io e mia moglie abbiamo dormito quasi una settimana sul pavimento! 😀

Vuoi aggiungere qualcosa o raccontare la tua esperienza di un trasloco all’estero? Lascia un commento qui sotto! 🙂

Life is better when shared!
  • andrei

    Ciao notizia notizia….Europcar e Hertz non consentono il lascito del veicolo all’ estero, è possibile al confine italiano ma per modiche cifre di circa 500/600 euro…… e io che volevo andare a Kassel boh.